Da sabato 14 luglio 2018, data di entrata in vigore del Dl 87/2018 (decreto dignità),  i professionisti che operano con le pubbliche amministrazioni e le loro controllate, nonché con le società quotate al Fitse Mib non dovranno più emettere fattura con il sistema dello Split payment. L’esonero riguarda solamente i professionisti soggetti a ritenuta d’acconto (e non anche le imprese). Pertanto la fattura dovrà nuovamente evidenziare l’importo dell’IVA che sarà, quindi, incassata dal professionista per poi essere riversata all’Erario all’esito della propria liquidazione periodica dell’imposta. Cordiali saluti.

Condividi: