Da LILT un corso di formazione gratuita per medici, infermieri, operatori socio-sanitari, referenti per le scuole e giornalisti: tutti posso diventare un riferimento tra le giovani generazioni per promuovere l’importanza della prevenzione del Papilloma virus umano grazie al vaccino.

Il progetto “50 sfumature di prevenzione”, al quale partecipa attivamente anche la LILT CAMPOBASSO promuove la formazione per la comunità con la possibilità di partecipare ad un corso FAD gratuito con 15 crediti ECM. Il corso è indirizzato a medici, infermieri, operatori socio-sanitari, ma anche ai referenti della scuola per la salute e ai giornalisti oltre che agli operatori LILT: tutti posso diventare un riferimento tra le giovani generazioni per promuovere l’importanza della prevenzione del Papilloma virus umano grazie al vaccino e diventare messaggeri di salute tra i più giovani. Una ricerca promossa da LILT ha rilevato ancora come troppo diffusi dubbi e perplessità sul vaccino HPV. Spesso manca un’informazione chiara ed esaustiva sulle malattie sessualmente trasmissibili e sui tumori correlati. Eppure l’urgenza di conoscere è fondamentale.

Ogni anno oltre 6.500 casi di cancro sono riconducibili all’infezione da Papilloma virus umano. Di contro, solo il 49,9% delle ragazze e il 15,4% dei ragazzi ha completato il ciclo vaccinale contro l’HPV, con tutte le dosi di vaccino. Il corso è parte di “Cinquanta sfumature di prevenzione: formazione per la comunità”, un percorso nazionale finanziato attraverso il programma 5 per mille della LILT Nazionale per potenziare competenze e consapevolezza nella comunità in merito all’importanza della prevenzione vaccinale specifica per HPV. La rete è composta da dieci associazioni provinciali LILT (Roma, Genova, Oristano, Campobasso, Lecco, Ascoli, Pescara, Catanzaro, Brescia) con capofila LILT Milano Monza Brianza, in collaborazione con il Centro di Ricerca EngageMinds Hub dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Cremona.

La proposta è quella di cinque incontri, gratuiti e online, di due ore ciascuno (da ottobre a dicembre 2022), che danno diritto a crediti ECM (Educazione Continua in Medicina). Si affronteranno temi di comunicazione, engagement sanitario e relazione medico-paziente. Il corso fornirà conoscenze tecniche sul tema dei vaccini da un punto di vista clinico medico, sulle normative in vigore a livello regionale e nazionale, nozioni sulla gestione della complessità relazionale, emotiva ed educativa dei cittadini e sulle strategie efficaci di comunicazione sul tema della prevenzione vaccinale.

Per  le iscrizioni, che si chiuderanno il 17 ottobre, cliccare qui.

 

 

Condividi: