L’INAIL tutela le malattie infettive e parassitarie inquadrandole come infortunio sul lavoro in quanto la causa virulenta è equiparata a quella violenta.

In tale ambito possono essere ricondotti i casi di COVID 19 dei lavoratori dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale e di qualsiasi struttura pubblica o privata assicurata con l’Istituto,  laddove sia accertata l’origine professionale del contagio, avvenuto nell’ambiente di lavoro o per causa determinata dallo svolgimento dell’attività lavorativa.

Il medico certificatore, quindi, dovrà trasmettere all’INAIL il certificato medico di infortunio in caso di attestazione positiva dell’avvenuto contagio tramite specifico test di conferma.

La tutela INAIL è ammessa per tutti i dipendenti del Servizio sanitario e amministrativo delle Aziende Sanitarie Locali e di tutte le Strutture sanitarie pubbliche e/o private assicurate con l’Istituto, positivi al test specifico di conferma, e la tutela copre l’intero periodo di quarantena e quello eventualmente successivo dovuto a prolungamento di malattia che determini inabilità assoluta al lavoro.

Sono esclusi dalla tutela INAIL i Dipendenti posti in quarantena per motivi di sanità pubblica.

Per eventuali delucidazioni e chiarimenti contattare il numero 0874/475266

 

Il Sovrintendente sanitario regionale INAIL Molise

Dott.ssa Maria Carmela Mascaro

Comunicato INAIL MOLISE

Referti e certificati medici: obbligo di firma e identificazione del prescrittore, comunicazione del Presidente

Clicca sull'immagine per leggere il contenuto