La circolare ministeriale esplicativa sull’appropriatezza prescrittiva, Decreto Lorenzin, del 25 Marzo 2016, scritta in accordo con la FNOMCeO e inviata a tutti gli Assessori alla Salute d’Italia, definisce cio’ che è già scritto in norme Nazionali, Regionali, Deontologiche e altro “: i ruoli prescrittivi“.

I soggetti prescrittori individuati nella nota sono:

  • Specialista del SSN con ricettario SSN (Ospedaliero o Specialista Convenzionato)
  • Specialista operante in regime convenzionato con il SSN ma privo di ricettario SSN (come gli specialisti delle cliniche private o degli istituti convenzionati con SSN);
  • Specialista del SSN in attività intramoenia (equiparato a specialista privato e privo di ricettario SSN); Specialista privato, sempre privo di ricettario SSN.

 

Secondo la circolare ministeriale sul decreto appropriatezza

 

1) Lo Specialista del SSN (in dotazione di ricettario rosso) : “…deve procedere alla prescrizione diretta su ricettario SSN”….. ( il MMG non ha il permesso di procedere alla prescrizione da eventuale ricetta bianca di questo tipo di specialista SSN come espressamente indicato in altro punto della circolare.

 2) Lo Specialista operante in regime convenzionato con il SSN ma privo di ricettario SSN (come gli specialisti delle cliniche private o degli istituti convenzionati con SSN): prescrive su ricetta bianca con i propri dati identificativi, Codice Fiscale e/o  N° Iscrizione Ordine dei Medici, motivando la condizione di erogabilità. Solo per questa prescrizione bianca ” potrà essere trascritta dal MMG e dal PLS. riportando i dati del prescrittore”. Nella circolare ministeriale solo questo tipo di specialista,non in dotazione di ricettario rosso SSN, puo’ essere preso in considerazione per la trascrizione da parte del MMG.

 3) Specialista SSN in attività intramuraria (intramoenia) e  Specialista/Odontoiatra in libera professione pura: tali Prescrizioni dello specialista privato per essere considerate trascrivibili devono seguire le indicazioni del punto 2 ovvero: Riportare il quesito diagnostico e i dati identificativi del prescrittore

L’Ordine vigilerà scrupolosamente affinche’ siano rispettate le norme legate a tali fattispecie e invita, pertanto, tutti gli iscritti ad attenersi a quanto su esposto al fine di evitare qualsiasi infrazione del codice deontologico e dei diritti del paziente.

Nota Lorenzinpdf

Condividi: