Divieto di foto e video nelle strutture sanitarie

– L’OMCeO di Campobasso vuol richiamare l’attenzione sul  corretto uso degli strumenti di comunicazione di massa da parte degli iscritti, già oggetto di approfondimento sul n. 2/2016  del Bollettino con un  intervento del consulente legale dell’Ordine, Avv. Mariano Morgese, pubblicato anche sul nostro sito il 15 maggio 2016, che ne ha evidenziato le implicazioni sul piano deontologico e i rischi in termini di personale responsabilità degli autori.

Si ricorda che, con nota del  Ministero della Salute del 29 marzo 2017, è stata espressamente sollecitata l’attenzione sulle conseguenze del fenomeno di foto e video di operatori all’interno delle strutture sanitarie, contrario alle regole sulla privacy, lesivo del decoro professionale e pregiudizievole per il rapporto di fiducia tra paziente e sistema sanitario nel suo complesso.

La FNOMCeO, con comunicazione del  4 aprile 2017, ha ribadito con fermezza tali indicazioni, sollecitando gli Ordini provinciali a vigilare sui citati contegni, evidenziandone la indubbia contrarietà alle prescrizioni deontologiche.

Tutti i colleghi sono, quindi, chiamati alla scrupolosa osservanza di tali prescrizioni, nel rigoroso rispetto dei principi di riservatezza e decoro che debbono sempre informare il contegno del medico e la cui violazione è fonte di responsabilità disciplinare.

Il Presidente

Carolina De Vincenzo

Condividi: